Google ammette di aver violato le regole di Apple

di Stefania Russo Commenta

Google ha ufficialmente riconosciuto di aver violato alcune regole di Apple nella creazione del software Google Mobile..

Google ha ufficialmente riconosciuto di aver violato alcune regole di Apple nella creazione del software Google Mobile per l’iPhone. Un portavoce di Google ha confermato, infatti, che Google Mobile ha utilizza documenti con API (application programming interfaces) che non rientrano nell’SDK creato da Apple al momento dell’accordo.

Questo escamotage ha consentito a Google di utilizzare il sensore di prossimità dell’iPhone, che spegne il display quando il cellulare viene avvicinato all’orecchio, per la sua funzione di ricerca verbale.


Il problema essenziale del mancato rispetto degli API è che una determinata applicazione potrebbe non funzionare più in modo corretto se, ad esempio, Apple decide di aggiornare il software. Ma gli sviluppatori di Google, tuttavia, hanno preferito correre questo rischio al fine di fornire delle applicazioni estremamente innovative come, appunto, la funzionalità di ricerca verbale.


Gli altri sviluppatori di software, quindi, dovendosi attenere alle regole imposte dall’SDK, non sono riusciti a creare funzionalità competitive come quelle di Google che, a questo punto, è stato premiato per la sua scorrettezza. Non è chiaro, tuttavia, se Apple fosse allo scuro della questione o se, semplicemente, data l’importanza del produttore abbia preferito lasciar correre.

Google, tuttavia, sarebbe costretto a ricreare Google Mobile attenendosi alle regole se Apple decidesse di applicare in maniera ferrea i termini dell’SDK.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>