Come funziona Google Verbatim

di Redazione Commenta

Negli ultimi mesi Google ha lanciato diversi aggiornamenti utili a migliorare i risultati delle..

Negli ultimi mesi Google ha lanciato diversi aggiornamenti utili a migliorare i risultati delle ricerche sul proprio motore di ricerca che risulta tutt’ora essere il motore più usato al mondo. Nel mese di agosto è stato lanciato in Italia il famoso aggiornamento di algoritmo definito come Google Panda il cui nome è preso dall’ingegnere che lo ha ideato e realizzato.



Nelle ultime ore su Google Panda è arrivata una nuova funzione che verrà sicuramente utilizzata nelle ricerche più frenetiche degli utenti. Questa nuova funzione viene definita come Google Verbatim, ovvero una funzione che arriverà presto anche in Italia, utile a mostrare a video tutti i risultati senza alcun filtro ortografico piuttosto che di declinazione.

OTTIMIZZARE IL SITO PER GOOGLE PANDA

Come molti sapranno, allo stato attuale Google non fa molta differenza tra il plurale ed il singolare e spesso il motore di Mountain View è in grado di mostrare risultati correggendo eventuali errori di battitura. Allo stato attuale Google mostra a video risultati ipotizzando un eventuale errore di battitura, non curandosi minimamente di quello che ha voluto digitare l’utente.

Se nel campo di ricerca ad esempio inserisco la chiave “prezzo raddio”, Google mi mostrerà solamente risultati che mostrato il prezzo di alcune radio scartando a priori la chiave raddio formata con la doppia d [► qui l’esempio].

Con la funzione Verbatim di Google, attivabile dall’utente in assoluta libertà nel menu strumenti in basso a sinistra, tutto questo non avverrà e l’utente potrà finalmente trovare risultati in base alla chiave di ricerca immessa. Un passo avanti per il motore di ricerca più usato al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>