Home page di Google modificabile, tutto comincia con un bug

di Luca Bruno Commenta

Modificare l'aspetto della home page di Google, ora è possibile, ma la novità è stata accolta dalle polemiche a causa di un errore di programmazione.

bigwtf-1

Da due giorni gli utenti del più celebre motore di ricerca, Google, hanno la possibilità di cambiare l’immagine di sfondo, un po’ come da tempo era costume del rivale più temibile, Bing, il motore di ricerca realizzato da Microsoft.
Per il pubblico italiano si tratta di un link di testo, in fondo a sinistra che permette di scegliere la propria immagine preferita, tra quelle suggerite da Google a quelle personali pubblicate su Picasa.

Ma l’esperimento, negli Stati Uniti, ha suscitato parecchio rumore, soprattutto perchè nella prima versione rilasciata gli utenti si sono trovati all’improvviso con uno schermo diverso dal solito e, a differenza di quanto accade oggi, senza la possibilità di modificarla o eliminarla.

Per questa ragione Twitter è stato inondato di commenti, polemiche e proteste, fino a che la stessa Google ha deciso, nel suo blog ufficiale, di spiegare cosa era accaduto.

In un primo momento Google aveva immaginato di proporre agli utenti una serie di immagini d’autore che a rotazione avrebbero composto lo sfondo della pagina, poi, accortisi che probabilmente qualche utente non avrebbe gradito la scelta delle immagini, o la stessa imposizione unilaterale di queste, hanno pensato di aggiungere nella home page un link grazie al quale l’utente può scegliere se modificare la propria home page di Google o mantenere la classica finestra di apertura spartana.

Il problema, spiegano nel blog, è che Google in una prima fase non avrebbe aggiunto il link a causa di un bug, ragion per cui gli utenti si sarebbero trovati di fronte la nuova home page sperimentale senza alcun indicazione su come usarla o modificarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>