Ultime novità algoritmo posizionamento Google

di Lucia Guglielmi Commenta

Google è consapevole del fatto che l’inserimento di annunci pubblicitari in alto permette di monetizzare i contenuti, ma ...

Cercare su Google e, cliccando tra i risultati, accedere ad una pagina dalla quale è difficile in maniera relativamente rapida localizzare quello che è il contenuto desiderato. Di conseguenza, dopo aver raccolto al riguardo delle lamentele da parte degli utenti, Google ha effettuato in merito un perfezionamento dell’algoritmo di ricerca secondo il criterio della struttura delle pagine.

A riportarlo è “Google Blog Italia” che ha effettuato sul tema la traduzione di un post a cura di Matt Cutts. Questo significa che ora, ai fini della ricerca e del posizionamento di pagina, potrebbero di conseguenza subire penalizzazioni quei siti che hanno inserito nella loro parte iniziale tanti annunci pubblicitari.



COME FUNZIONA GOOGLE VERBATIM

Google è consapevole del fatto che l’inserimento di annunci pubblicitari in alto permette di monetizzare i contenuti, con la conseguenza che le penalizzazioni non ci saranno per i siti che ne fanno un uso moderato, ma per quelli che al riguardo invece nelle pagine ne effettuano un sovraccarico disorientando l’utente che di conseguenza faticherà a trovare quello che cerca.

ALGORITMO GOOGLE NEWS TOGLIE IL SONNO AI WEBMASTER

La miglioria non apporta comunque sconvolgimenti nelle pagine di ricerca se non nel rapporto di meno di una ricerca ogni cento. Ed in ogni caso Google raccomanda come sempre di soffermarsi sul miglioramento dell’esperienza dei propri utenti sul sito e non su quelle che sono le modifiche apportate dall’algoritmo di ricerca. Questo perché il motore di ricerca numero uno al mondo da qui alla fine dell’anno mira ad apportare ben 500 migliorie per la ricerca delle pagine Web su Internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>