Viber debutta su PC e Mac

di Alessandro Bombardieri Commenta

viber

Viber, la popolare app di messaggistica e di chiamate VoIP gratis, sbarca finalmente su Windows e Mac OS X, inoltre sono state aggiornate in maniera importante anche le versioni per dispositivi mobile iOS e Android.


Entrambe le versioni per device portatili adesso consentono di comporre e inviare videomessaggi, inoltre adesso sulla versione iOS è presente un banner dentro all’app che avvisa l’utente alla ricezione di nuovi messaggi o chiamate in entrata.

L’applicazione desktop invece si presenta già molto bene, con la possibilità di effettuare anche le videochiamate, seppure questa funzione sia ancora proposta in versione beta. Una delle caratteristiche dell’app desktop di Viber è data dalla possibilità di trasferire la chiamata in corso dal computer allo smartphone, o viceversa. Fra gli aggiornamenti apportati alle apps mobile si segnala anche lo status online del profilo e l’indicazione dell’ultima visita dell’utente, proprio come su Whatsapp.

VIDEOCHIAMATA FACEBOOK

Per usare Viber sul proprio computer, prima bisogna averlo installato su smartphone. Per configurare il programma su PC è necessario inserire il proprio numero di telefono legato all’account di Viber, con tanto di codice della nazione, quindi si riceverà sul telefono un codice di attivazione da inserire nel programma per proseguire. Una volta connesso, Viber caricherà tutti i propri contatti, mentre nella sezione Cronologia è possibile vedere tutti i messaggi inviati e ricevuti sia da smartphone che da computer.

Viber funziona in backgroung rimanendo attivo nella barra degli strumenti del sistema operativo, quando si riceve una chiamata in entrata compare un pop-up di notifica, personalizzabile nelle opzioni del programma.

Download Viber per PC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>