App gratuita EasyWay per Android e iOS

di Filadelfo Scamporrino Commenta

“EasyWay” nasce in particolare per agevolare le persone che hanno difficoltà motorie ma anche per tutti i genitori che in città si muovono con il passeggino.

Si chiama “EasyWay”, ed è un’app gratuita scaricabile per gli smartphone con sistema operativo Android ed iOS, ed utilizzabile con qualsiasi operatore telefonico. A lanciarla è stata la Vodafone nel sottolineare come EasyWay sia la prima applicazione gratuita che permette di segnalare la presenza di barriere architettoniche in tempo reale.

EasyWay” nasce in particolare per agevolare le persone che hanno difficoltà motorie ma anche per tutti i genitori che in città si muovono con il passeggino e devono accedere ad uffici, negozi, alberghi, musei o ristoranti.



VODAFONE XONE ARRIVA IN ITALIA

I contenuti di “EasyWay” sono generati dagli utenti, il che significa che tutti possono contribuire nell’andare a segnalare quello che è il grado di accessibilità del luogo che si sta visitando. In questo modo prima di andare in uno specifico luogo è possibile sapere in anticipo se l’ascensore è tale da poter essere utilizzato anche da chi è sulla sedia a rotelle. Se esistono in zona dei parcheggi riservati ai disabili, e/o se c’è anche la presenza di idonei servizi igienici.

PREZZI IPHONE 5 CON VODAFONE RELAX

In accordo con un comunicato ufficiale emesso da Vodafone, l’app gratuita EasyWay per sistema operativo Android e iOS è stata realizzata con il contributo della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH), e con la partnership della Nokia Location and Commerce che, nello specifico, ha fornito per i luoghi pubblici e per i punti di interesse il loro grado di accessibilità. Il tutto chiaramente con l’obiettivo di migliorare la vita degli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>