Hard disk più sottile al mondo

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Per questo hard disk innovativo, in accordo con un comunicato ufficiale emesso dalla Western Digital Corporation, la WD ha già iniziato la fase di produzione.

L’hard disk ibrido che, con appena 2,5 pollici, è il più sottile al mondo. A lanciarlo è stata la WD, sussidiaria della società quotata in Borsa a Wall Street Western Digital Corporation, grazie ad un nuovo standard da cinque millimetri che, rispetto ai tradizionali hard disk da 2,5 pollici, permette di abbattere le dimensioni del 50% circa.

Per questo hard disk innovativo, in accordo con un comunicato ufficiale emesso dalla Western Digital Corporation, la WD ha già iniziato la fase di produzione al fine di permettere di dotare di dischi fissi ad alte prestazioni anche i notebook più sottili presenti sul mercato.



SMARTPHONE E CELLULARI PIU’ VENDUTI

In particolare, il nuovo prodotto della WD per prestazioni e capacità di storage è in grado di competere con gli SSD, ovverosia con i dischi a stato solido potendo così agevolare i produttori di sistemi grazie alle dimensioni ridotte ed ai costi concorrenziali. A livello tecnologico la WD per la realizzazione dell’hard disk più sottile al mondo sfrutta l’innovativa tecnologia ibrida che garantisce elevate capacità a fronte di un efficiente storage.

AUMENTARE DURATA BATTERIA IPHONE 4 E IPHONE 4S

Intanto nei giorni scorsi, in particolare il 13 settembre del 2012, Western Digital Corporation ha organizzato l’Investor Day durante il quale sono stati illustrati gli obiettivi, i prodotti e le nuove tecnologie per lo storage da parte delle due società controllate la HGST e la WD. In particolare, la HGST ha stabilimenti e sedi in California, Minnesota e, fuori dagli Stati Uniti, in Cina, Giappone, Malesia, Singapore e Tailandia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>