Nuovo processore Intel Itanium

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Il nuovo processore Intel Itanium offre una elevata resistenza agli errori, scalabilità ed un forte miglioramento non solo delle prestazioni, ma anche della velocità di input/output.

Un nuovo processore in grado di andare a raddoppiare le prestazioni in ambienti dati mission critical a fronte del contestuale aumento della cosiddetta resilienza. A lanciare sul mercato questo nuovo processore, basato tra l’altro su una nuova microarchitettura, non poteva che essere la Intel.

La società americana quotata in Borsa a Wall Street con un comunicato ufficiale ha precisato come il nuovo processore sia l’Intel Itanium 9500, già disponibile sul mercato con prezzi che, in lotti da mille unità, variano attualmente da un minimo di 1.350 ad un massimo di 4.650 dollari.


SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

Rispetto alla generazione precedente, il nuovo processore Intel Itanium offre una elevata resistenza agli errori, scalabilità ed un forte miglioramento non solo delle prestazioni, ma anche della velocità di input/output.

TROVARE PASSWORD ROUTER

Al riguardo il General Manager e vicepresidente del Datacenter and Connected Systems Group della Intel Corporation, Diane Bryant, ha sottolineato come le prestazioni del nuovo processore Itanium 9500 siano straordinarie e rivoluzionarie in forza alla sua nuova microarchitettura che risponde a quelle che sono le esigenze degli ambienti caratterizzati da dati mission critical.

NUOVI PROCESSORI INTEL ATOM PER I NETBOOK

I prezzi, come sopra indicato, sono variabili in quanto per il nuovo processore Intel Itanium le frequenze partono da un minimo di 1,73 GHz ad un massimo di 2,53 GHz a fronte di consumi pari rispettivamente a 130 ed a 170 watt. Ben 3,1 miliardi sono i transistor di cui è composto il nuovo processore Intel Itanium serie 9500 che può avere fino a ben 2 TB di memoria RAM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>