Come proteggere i tablet Android

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Utilizzando il browser Android, Kaspersky Tablet Security ha attiva l’apposita funzione Web Protection che è in grado di bloccare sia i siti fraudolenti, sia quelli potenzialmente nocivi per il dispositivo.

Nel settore mobile quasi 7 malware su 10 vanno ad attaccare le piattaforme Android. A farlo presente è stato il leader della sicurezza digitale Kaspersky Lab che, al fine di poter proteggere dalle applicazioni nocive i tablet Android, ha alzato il velo su un nuovo prodotto. Trattasi, nello specifico, di Kaspersky Tablet Security, appositamente progettato contro i crimini informatici e per garantire la sicurezza dei propri dati personali in caso di smarrimento o di furto del dispositivo.

Utilizzando il browser Android, Kaspersky Tablet Security ha attiva l’apposita funzione Web Protection che è in grado di bloccare sia i siti fraudolenti, sia quelli potenzialmente nocivi per il dispositivo. Basti pensare che nello scorso mese di dicembre gli esperti dei Kaspersky Lab hanno rilevato complessivamente oltre seimila tipologie di attacco malware ai dispositivi mobili.



NUOVI MALWARE PIU’ ATTIVI E PERICOLOSI

Nel dettaglio, Kaspersky Tablet Security spicca tra le soluzioni per la protezione mobile per le sue caratteristiche anti-malware, per la possibilità di cancellare e bloccare i dati, ma anche per le funzioni di localizzazione del dispositivo. Inoltre, Kaspersky Tablet Security ha una funzione innovativa, denominata Mugshot, che permette di poter scattare in segreto una foto di chi ha sottratto o ritrovato il nostro dispositivo mobile rubato o smarrito.

ATTACCHI MIRATI MALWARE PIU’ COMUNI

Facendo leva su un’interfaccia semplice ed intuitiva, Kaspersky Tablet Security permette di poter controllare i tablet da remoto al fine di controllarne lo stato e, in caso di smarrimento o sottrazione, attivare subito le necessarie protezioni anti-furto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>