Applicazione Wikipedia per Android finalmente disponibile

di Alessandro Bombardieri Commenta

Rilasciata l'applicazione ufficiale.

Meglio tardi che mai. Finalmente sull’Android Market è stata rilasciata l’applicazione ufficiale di Wikipedia dalla Wikimedia Foundation.

Con l’applicazione ufficiale per Android è possibile consultare tutti gli oltre 20 milioni di articoli (in oltre 280 lingue) presenti sull’enciclopedia libera, con una fluidità mai vista prima in nessun’altra applicazione del genere.


L’applicazione permette di leggere gli articoli nelle diverse lingue, ma permette per esempio pure di salvare gli articoli per poter essere letti offline, vengono segnalati gli articoli interessanti in base a dove vi trovate (grazie al gps), sono proposti i suggerimenti di ricerca in tempo reale, è presente una dettagliata cronologia delle ricerche, si possono copiare porzioni del testo, si può modificare il font dei caratteri e molto altro ancora…

INSTALLARE APPLICAZIONI ANDROID DA PC

L’applicazione per Android propone tutte le caratteristiche di quella per iOS. Al lancio l’applicazione presenta l’articolo del giorno, proprio come navigando sul sito web.

Premendo il pulsante Menu avrete accesso a tutte le funzioni elencate prima. Per esempio selezionando Cambia lingua sarà possibile leggere l’articolo visualizzato ma in un’altra lingua, cosa impossibile da fare invece tramite la versione mobile del sito di Wikipedia.

LE MIGLIORI APPLICAZIONI PER ANDROID

Selezionando Nelle vicinanze si aprirà la mappa con evidenziati gli articoli di Wikipedia relativi al territorio in cui ci si trova. L’opzione Salva la pagina permette ovviamente di archiviare l’articolo per poterlo leggere offline.

Wikipedia mobile è gratis nell’Android Market, richiede Android 2.2 o superiore per poter essere installato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>