Download App Store da record

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Non a caso al riguardo la Apple ha fatto presente come agli sviluppatori siano andati oltre sette miliardi di dollari in forza ad oltre 775 mila app create per gli utenti dell’iPhone, dell’iPod e dell’iPad.

Ben 40 miliardi di download univoci dall’App Store. E’ questo il nuovo record raggiunto dal colosso americano Apple, quotato in Borsa a Wall Street, nel precisare come la quota record raggiunta non tenga tra l’altro conto degli aggiornamenti e dei download multipli per la stessa applicazione. Solo nello scorso mese di dicembre del 2012 le app scaricate dall’App Store sono state oltre due miliardi, e quasi 20 miliardi nell’intero 2012 che per gli sviluppatori è stato a dir poco profittevole.

Non a caso al riguardo la Apple ha fatto presente come agli sviluppatori siano andati oltre sette miliardi di dollari in forza ad oltre 775 mila app create per gli utenti dell’iPhone, dell’iPod e dell’iPad.



SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

A fine anno 2012 gli account attivi all’App Store sono stati ben 500 milioni fornendo a tutti delle opportunità di fruzione di servizi e di guadagno ben oltre ogni rosea aspettativa in accordo con quanto messo in risalto dal genio della Bad Robot Interactive, JJ Abrams. Nel complesso l’App Store è il mercato del software mobile più vivace e dinamico, ma anche più redditizio di sempre per molti sviluppatori.

TROVARE PASSWORD ROUTER

D’altronde sull’App Store c’è oramai un’applicazione per tutto, per i viaggi, per l’economia, ma anche per i giochi, la salute, le news, lo sport ed il benessere. Sono 155 i Paesi del mondo dove è possibile scaricare le app a fronte di una suddivisione in 23 categorie. Inoltre superano ad oggi quota 300 mila le app native che sono disponibili solo per l’iPad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>