iPod Apple al top dei lettori musicali

di Lucia Guglielmi Commenta

Ieri, domenica 23 ottobre del 2011, l’iPod ha compiuto dieci anni fatti di successi per quel che riguarda il panorama dei lettori musicali presenti sul mercato. Fu infatti il compianto Steve Jobs a presentarlo il 23 ottobre del 2001, ed a rivoluzionare il mercato.

Ieri, domenica 23 ottobre del 2011, l’iPod ha compiuto dieci anni fatti di successi per quel che riguarda il panorama dei lettori musicali presenti sul mercato. Fu infatti il compianto Steve Jobs a presentarlo il 23 ottobre del 2001, ed a rivoluzionare il mercato nel campo della riproduzione dei file Mp3.

Un dispositivo leggero, adatto ai giovani e poi successivamente potenziato sia nelle funzioni, sia per quel che concerne la capacità di archiviazione degli album preferiti da parte dell’utente; si è passati infatti dalla prima versione, che poteva archiviare una mezza dozzina di GB di musica, agli oltre 150 GB dei giorni nostri.



Con la conseguenza che, al pari di Microsoft che con Windows “monopolizza” il mercato dei sistemi operativi, anche Apple nel settore dei player musicali domina allo stesso modo il mercato a distanza di dieci anni.

ZONE MUSIC PLAYER FUORI PRODUZIONE

D’altronde il mercato della musica, tanto in Italia quanto nel mondo, non conosce crisi d’utenza, ma si è solo evoluto passando ad una trasformazione e ad una rivoluzione digitale. Proprio l’iPod ha contribuito a rendere l’ascolto della musica “mobile”, ed a cambiare la vita di tutti i giorni di milioni di persone.

CREARE SUONERIE CON MP3 CUTTER

Ad oggi sono oltre 300 milioni gli esemplari di iPod venduti nel mondo e, nel complesso, possiamo dire che trattasi di un successo eclatante, ancor di più dell’iPad e dell’iPhone che, è giusto dirlo, sono dispositivi più “giovani” e, quindi, hanno ancora qualche altro anno, prima dell’uscita di nuovi smartphone e tablet, per mietere successi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>