Nuove regole App Store di Apple

di Alessandro Bombardieri Commenta

Apple ha finalmente pubblicato un documento che presenta le linee guida che gli sviluppatori di applicazione per iOS.

Apple ha finalmente pubblicato un documento che presenta le linee guida che gli sviluppatori di applicazione per iOS, quindi per iPhone, iPod Touch e iPad, devono seguire per vedere approvata la loro applicazione su App Store.

Fino ad oggi infatti le regole che gli sviluppatori dovevano seguire erano sempre state ben poco chiare, con la decisione finale lasciata sempre al giudizio della Casa di Cupertino, che però ha deciso di cambiare tendenza.

Il documento completo è scaricabile a questo indirizzo, e già nell’introduzione del documento sono racchiuse le 6 regole principali, che vi riportiamo di seguito:

– Ci sono tanti bambini che scaricano tantissime applicazioni, ed il parental control non funziona se non lo attivano i genitori, e moltissimi non lo fanno. Quindi sappiate che teniamo d’occhio soprattutto le applicazioni per bambini.

– Sull’App Store ci sono oltre 250mila applicazioni ormai, non abbiamo bisogno di nuove applicazioni sulle scoregge. Se la tua app non fa qualcosa di utile o divertente non sarà accettata.

– Se la tua app sembra la prima che hai fatto, magari per prova, o per impressionare gli amici, sappi che sarà rifiutata. Abbiamo molto sviluppatori che non vogliono vicino alle loro apps di qualità dei primi esercizi di programmazione.

– Rifiuteremo ogni app che abbia contenuti ritenuti oltre il limite.

– Se la tua app viene rifiutata abbiamo un board per la revisione apposito a cui scrivere, senza andare a dirlo a mezzo mondo.

– Questo è un documento in piena evoluzione, quindi sarà aggiornato col passare del tempo.

Apple conclude dicendo che sta facendo di tutto per migliorare l’esperienza finale dell’utente e degli sviluppatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>