Pagamenti NFC via cellulare su piattaforma comune

di Lucia Guglielmi Commenta

A siglare l’alleanza, in accordo con quanto reso noto dalla Wind con un comunicato ufficiale, sono stati la stessa Wind, l’operatore di telefonia cellulare del Gruppo Poste Italiane, PosteMobile, 3 Italia, Vodafone e Telecom Italia.

Sarà la tecnologia NFC in Italia quella del presente e del futuro per i pagamenti con scheda Sim utilizzando il proprio telefono cellulare di nuova generazione, ovverosia lo smartphone. Questo dopo che i principali operatori di telefonia cellulare hanno siglato un importante accordo finalizzato allo sviluppo ed alla realizzazione di una piattaforma comune per la tecnologia NFC finalizzata al mobile payment.

In questo modo i pagamenti via cellulare anche nel nostro Paese potranno far registrare un forte impulso in quanto non ci saranno problemi di compatibilità a livello tecnologico tra i vari operatori. A siglare l’alleanza, in accordo con quanto reso noto dalla Wind con un comunicato ufficiale, sono stati la stessa Wind, l’operatore di telefonia cellulare del Gruppo Poste Italiane, PosteMobile, 3 Italia, Vodafone e Telecom Italia.



RETI BANDA LARGA VERSO NUOVE REGOLE

Il cardine del sistema sarà chiaramente la scheda Sim di ogni operatore, con la piattaforma comune per i pagamenti con tecnologia NFC che chiaramente garantirà la piena interoperabilità e semplificazione per quel che riguarda le carte di pagamento emesse dagli istituti di credito.

SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

Gli operatori che hanno siglato l’intesa, ovverosia la Telecom, Wind, 3 Italia, PosteMobile e Vodafone, prevedono che già entro la fine del prossimo anno ben otto smartphone su dieci saranno equipaggiati con la tecnologia NFC che abilità il dispositivo ai pagamenti in mobilità con scheda Sim. Ed in questo modo, come sopra accennato, il mobile payement anche nel nostro Paese potrà subire un forte impulso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>