Facebook nuoce gravemente ai matrimoni

di Lucia Guglielmi Commenta

Stando ad un’indagine realizzata da Divorce-Online, tra le cause più frequenti di divorzio c’è il social network attualmente più utilizzato al mondo.

Per chi vuole divorziare da un matrimonio finito male ci sono anche soluzioni e servizi tanto economici quanto innovativi. In Inghilterra, infatti, c’è un sito, Divorce-online.co.uk, che con una manciata di sterline si occupa per voi di reperire tutta la documentazione per porre fine al vostro matrimonio andato in fumo.

Ma quali sono le cause più frequenti di divorzio? Ebbene, stando proprio ad un’indagine realizzata da Divorce-Online, tra le cause più frequenti c’è il social network attualmente più utilizzato al mondo.



SCORCIATOIE TASTIERA FACEBOOK

Stiamo chiaramente parlando di Facebook che, quindi, nuoce gravemente ai matrimoni. Non è chiaramente il caso di demonizzare il social network visto che la responsabilità è di chi e come lo utilizza, ma di sicuro non sono sporadici i casi in cui mogli e/o mariti frustrati puntano proprio sul virtuale per riscattare una vita sentimentale spesso apatica ed altrettanto spesso insoddisfacente.

FACEBOOK VIA SMARTPHONE E TABLET

E così spesso ci si iscrive a Facebook con una “falsa” identità, oppure si blindano le informazioni personali e tutti i contenuti lasciandoli magari “liberi” solo all’amante e nascosti alla moglie o al marito. Ma se poi si scopre tutto, allora l’indagine di Divorce-Online attesta come le bugie abbiano le gambe corte, e come magari una relazione matrimoniale consolidata possa naufragare dalla sera alla mattina. Il tutto fermo restando che Facebook, a parte certi casi limite, resta uno degli strumenti di comunicazione innovativi che, se ben usato, riduce le distanze e molto spesso fa aumentare anche la produttività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>