Fashion 2.0: i siti interattivi sulla moda

di Luca Bruno 1

Il mondo della moda non poteva restare indifferente alle nuove potenzialità offerte dal web 2.0.

polyvore

Fashion 2.0: non poteva il mondo della moda restare indifferente alle nuove potenzialità offerte dal web 2.0, soprattutto nella creazione di community virtuali dedicate alla passione per la moda e le ultime novità nel campo del fashion. Così sono già diversi i siti interessanti che offrono nuove prospettive di utilizzo della rete nel campo della moda. Weardrobe per esempio, sull’onda del celebre Sartorialist, invita gli utenti della community a pubblicare fotografie con la propria scelta di abiti, per ogni occasione, dalla serata disco all’uscita pomeridiana. Non solo, ma a fianco di ogni foto si potranno trovare i link per potere acquistare i capi indossati dalle modelle improvvisate.

Un esperimento interessante, che naturalmente diventa interattivo grazie alla possibilità di connettersi attraverso Facebook.

Un altro sito che offre un analoga partecipazione interattiva è Polyvore, dove i partecipanti della comunità hanno l’opportunità di creare un “set” molto sofisticato di abiti, accessori e calzature utilizzando materiale disponibile nei negozi online affiliati al sito.

Grazie ad una pagina interattiva, si possono aggiungere e spostare abiti ed accessori, creare uno sfondo adatto al look prescelto, inserire testi e messaggi ed altro ancora.

Una volta realizzato il proprio set lo si pubblica, e si attende che gli altri partecipanti alla community scrivano i loro commenti.

Anche in Polyvore da poco tempo può interagire con Facebook e Twitter sui quali si potrà condividere la propria passione ed il proprio gusto creativo.

Eventualmente si possono valutare i prezzi dei capi assemblati, e anche acquistarli direttamente.

Attualmente Polyvore pubblica circa 30.000 nuovi set ogni giorno, cifre impressionanti, che potrebbero stimolare un grande interesse tra gli operatori del settore moda, soprattutto per valutare e monitorare le tendenze del momento.

Commenti (1)

  1. A proposito di passione per gli accessori, ho conosciuto un’azienda italiana, romai diffusa in più parti del mondo, che fonsa la sua produzione sull’eleganza e sull’ecosostenibilità! sto parlando della Plastichic (www.plastichic.com), i cui orologi in plastica, in legno nonchè gli ormai conosciuti occhiali in ebano e mogano hanno raggiunto persino l’America ed il mercato nipponico. Veli consiglio non solo per l’idea che rappresentano, quanto per l’eleganza direi “ermetica” per l’immensità nascosta dietro la semplicità dell’eleganza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>