I comandi essenziali per Linux Ubuntu

di Luca Mercatanti Commenta

abbiamo introdotto Linux e visto le sue principali caratteristiche che lo rendono un sistema operativo completo in ogni..

Nell’articolo precedente abbiamo introdotto Linux e visto le sue principali caratteristiche che lo rendono un sistema operativo completo in ogni sua parte e nettamente superiore al concorrente Windows.

Oggi andremo a vedere i comandi essenziali affinchè si possa sfruttare al massimo questo flessibilissimo O.S.

Inizieremo con semplici comandi, i quali però sono fondamentali per l’utilizzo di un computer.



Partiamo quindi con tutti quei comandi che vi serviranno quotidianamente e che dovrete, quindi, imparare a memoria. Non preccoupatevi, non si trattano di lunghe righe di codice, ma di semplici comandi da memorizzare.

Prima di iniziare vorrei sottolineare che tutti i comandi vanno digitati all’interno della shell, ovvero del teminale.

ls: Il comando più importante di tutti. Permette di elencare i file e le cartelle di un determinato percorso.

ls -R: Questo comando oltre ad elencare tutti i file e le cartelle presenti all’interno di una directory, elencherà anche tutte le sotto-cartelle.

ls -l: Altra funzione del comando “ls”. Permette di visualizzare tutti i file e le cartelle in una sola colonna.

pwd: Serve a visualizzare il percorso in cui ci troviamo.

touch nomefile: Con questo comando potrete realizzare un nuovo file.

mkdir nomecartella: Serve a creare una nuova cartella.

cp file_originale file_destinazione: Grazie a questo comando potrete copiare i file.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>