Attacchi informatici online in forte crescita

di Lucia Guglielmi Commenta

Oltre 35 mila sono stati nel corso del 2012 i programmi nocivi per Android scovati da Kaspersky Lab con un incremento pari a ben sei volte rispetto al 2011.

Il tema relativo alla sicurezza digitale è sempre più attuale. Questo stando al Rapporto 2012 della Kaspersky Lab che, con i propri prodotti e soluzioni software, quest’anno ha bloccato oltre 1,5 miliardi di attacchi informatici attraverso il Web con un rialzo del 170% rispetto agli attacchi informatici bloccati nel 2011.

Ed il tutto a fronte di ben 200 mila programmi nocivi rilevati con cadenza giornaliera da Kaspersky Lab. Dal Rapporto di Kaspersky Lab emergono alcuni dati tanto interessanti quanto importanti a partire dal malware mobile che nel 2012, per una quota pari a ben il 99%, risulta essere destinato ai dispositivi Android, ovverosia quelli con il sistema operativo più diffuso nel mondo.



SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

Oltre 35 mila sono stati nel corso del 2012 i programmi nocivi per Android scovati da Kaspersky Lab con un incremento pari a ben sei volte rispetto al 2011. Massima attenzione anche ad uno degli ambienti in passato meno attaccati, quello degli elaboratori Mac OS X. Questo perché gli esperti della software house hanno rilevato rispetto allo scorso anno una crescita dei trojan pari a ben il 30%.

CREARE SITO E-COMMERCE FAI DA TE

Russia, Tajikistan, Azerbaijan, Armenia e Kazakhstan. Sono questi i primi cinque Paesi al mondo dove nel 2012 Kaspersky Lab ha rilevato il maggior numero di attacchi informatici via Web. Stati Uniti, Russia, Olanda, Germania e Regno Unito sono i Paesi da dove maggiormente partono i malware per essere diffusi mentre Danimarca, Giappone, Finlandia, Svezia e Repubblica Ceca sono i cinque Paesi aventi il tasso di infezione più basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>