Investire nella sicurezza digitale

di Lucia Guglielmi Commenta

In accordo con quanto reso noto dal leader della sicurezza Kaspersky Lab, citando una ricerca commissionata a B2B International, le imprese hanno bisogno di investimenti maggiori.

Tanti, troppi accessi al sistema non autorizzati, e tantissimo spam. Sono queste le minacce informatiche più comuni che le aziende di tutto il mondo con cadenza giornaliera devono affrontare. Ma come combatterle?

Ebbene, in accordo con quanto reso noto dal leader della sicurezza Kaspersky Lab, citando una ricerca commissionata a B2B International, le imprese hanno bisogno di investimenti sempre maggiori per poter contrastare e per poter combattere le minacce informatiche che, nel complesso, rappresentano il secondo maggior fattore di rischio in ambito business. D’altronde proteggere il rischio dalle minacce IT, sempre più sofisticate e mutevoli, significa preservare e conservare la reputazione, ma anche evitare frodi di dati riservati che possono costare caro, in tutti i sensi.


SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

In ambito aziendale i rischi per la sicurezza, non a caso, superano quelli legati alla possibilità di avere problemi di natura economica. Al riguardo il Chief Marketing Officer di Kaspersky Lab, Alexander Erofeev, ha sottolineato come di norma un’azienda basi le proprie operazioni su un’infrastruttura alla quale si connettono migliaia di dispositivi, compresi quelli privati posseduti dai dipendenti.

CREARE SITO E-COMMERCE FAI DA TE

I rischi per la sicurezza aumentano inoltre anche a causa del fatto che le risorse Web sono sempre di più per le informazioni aziendali un mezzo di scambio. Basti pensare al sempre più frequente uso dei social network come mezzo di comunicazione a 360 gradi. E, di conseguenza, le imprese devono necessariamente affidarsi a soluzioni per la sicurezza aggiornate, efficaci ed affidabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>