Mappa attacchi malware aggiornata

di Lucia Guglielmi Commenta

Symantec, a valere sull’intero 2011, ha rilevato la bellezza di una media di oltre 4.500 nuovi attacchi giornalieri con una crescita anno su anno di quelli Web based pari a ben il 36%.

La bellezza di oltre 5,5 miliardi di attacchi malware con un progresso anno su anno pari all’81%. A bloccare questa miriade di minacce nel 2011 è stata la Symantec che ha fornito la mappa aggiornata per il 2011 sugli attacchi da parte degli hacker con mezzi di ogni tipo.

Nel dettaglio, Symantec, a valere sull’intero 2011, ha rilevato la bellezza di una media di oltre 4.500 nuovi attacchi giornalieri con una crescita anno su anno di quelli Web based pari a ben il 36%. Già questo basterebbe per indurre chi utilizza PC e dispositivi mobili ad aggiornare, se non fosse ancora stato fatto, i prodotti per la sicurezza ed i sistemi operativi.



SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

Inoltre, Symantec nel 17-esimo “Internet Security Threat Report” ha reso noto che lo scorso anno per il malware sono state create oltre 400 milioni di nuove varianti con un incremento rispetto al 2010 pari al 41%. Di contro, c’è stata una discesa dei volumi di spam pari al 13% anno su anno rispetto al 2010.

CLASSIFICA PAESI PIU’ COLPITI DAL PHISHING

Il calo dei volumi dello spam non deve però far pensare ad un calo medio, in termini numerici, degli attacchi sul Web visto che le azioni da parte dei criminali informatici sono sempre più mirate e sempre più finalizzate ad ottenere il più alto tasso di successo possibile per il furto di informazioni e di dati sensibili, a partire da quelli bancari. Massima attenzione ai dispositivi mobili in tal senso visto che solo lo scorso anno sono state scoperte oltre trecento vulnerabilità sui telefonini di nuova generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>