Previsioni 2013 sicurezza digitale

di Filadelfo Scamporrino Commenta

In accordo con quanto riportato dal sito TrendMicro.it, il Rapporto mette in evidenza quelle che sono le minacce più serie del 2013.

Nel 2013 la sfida contro il crimine informatico sarà ancora più complessa in quanto le minacce alla sicurezza nel mondo del digitale sono sempre più sofisticate verso i dispositivi, il cloud e le infrastrutture aziendali. Sono queste, in estrema sintesi, le previsioni 2013 sulla sicurezza da parte di Trend Micro con il Rapporto “Security Threats to Business, the Digital Lifestyle, and the Cloud“.

In accordo con quanto riportato dal sito TrendMicro.it, il Rapporto mette in evidenza quelle che sono le minacce più serie del 2013 a partire dalle app nocive per Android e passando per i malware tradizionali che attaccano i personal computer, ed il proliferare delle piattaforme, dei dispositivi e delle modalità di accesso ai dati che rendono sempre più difficile la messa in sicurezza di un ecosistema sempre più vasto ed eterogeneo.




COPIARE HARD DISK CON HDD RAW COPY

Inoltre, Trend Micro prevede che nel 2013 gli attacchi pianificati per ragioni e scopi politici saranno più frequenti a fronte di continenti come l’Africa che potrebbero trasformarsi per i criminali informatici in un porto sicuro.

PIATTAFORME E-COMMERCE PIACCIONO ALLE PMI

Per quel che riguarda gli attacchi malware convenzionali, Trend Micro per il futuro prevede un’evoluzione graduale verso tecniche che, ancor più sofisticate, risulteranno progressivamente più difficili da rilevare. Ma secondo quanto riportato nel Rapporto “Security Threats to Business, the Digital Lifestyle, and the Cloud“, si può ovviare a tutto ciò, contrastando le minacce, se i responsabili della sicurezza saranno in grado di proporre soluzioni innovative anche attraverso la definizione di nuovi standard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>