Rischi passaggio dal PC-desktop alle tecnologie mobili

di Lucia Guglielmi Commenta

Trend Micro, leader globale per la sicurezza, si aspetta degli attacchi sempre più sofisticati da parte dei cybercriminali.

Quali sono per il 2012 le principali minacce nel campo della sicurezza IT? Ebbene, la risposta in merito nei giorni scorsi l’ha fornita Trendmicro.com con un rapporto dal titolo “12 minacce previste per il 2012”, ovverosia in un anno appena iniziato che sarà sempre più caratterizzato dal passaggio dal PC-desktop alle tecnologie mobili, ovverosia dal caro “vecchio” personal computer agli smartphone ed alle tablet.

Ebbene, in merito Trend Micro, leader globale per la sicurezza, si aspetta degli attacchi sempre più sofisticati da parte dei cybercriminali, con la conseguenza che per i responsabili dei centri dati il compito sarà sempre più impegnativo nell’andare a proteggere non solo i sistemi fisici, ma anche quelli virtuali e quelli cloud-based.



BACKUP E PROTEZIONE DATI PROTAGONISTI NEL 2012

In pratica, nell’ambito della gestione, della modifica e della protezione dei dati c’è bisogno di un cambio di paradigma; questo perché da un lato le informazioni da archiviare tenderanno inesorabilmente a crescere, e dall’altro la gestione stessa, attraverso dispositivi differenti di provenienza, può comportare perdite di dati senza che i responsabili IT adottino opportune e adeguate misure di sicurezza.

PROTEGGERSI DAI VIRUS E DAGLI SPYWARE

Secondo Trend Micro, inoltre, occorre fare molta attenzione alla ridefinizione del concetto di privacy da parte di una quota di internauti in persistente crescita, quella del social network. L’utente “social”, infatti, ha un approccio diverso dal classico internauta in materia di condivisione e protezione delle informazioni, ragion per cui la minore attenzione verso le questioni legate alla privacy possono rappresentare un punto di approdo allettante per i cybercriminali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>