Come portare online gratis la tua impresa

di Filadelfo Scamporrino Commenta

E' un servizio appositamente ideato per le aziende, anche quelle piccole gestite da titolari che magari hanno poca dimestichezza con Internet e con la creazione di siti.

Da qualche tempo su Internet c’è un sito grazie al quale, previa registrazione, è possibile portare online la propria impresa potendo, tra l’altro, fruire del relativo sito Web gratuitamente per un anno. Trattasi, nello specifico, di LaMiaImpresaOnLine.it, un progetto che viene portato avanti congiuntamente dal colosso Google, ma anche da Poste Italiane, Register.it e PagineGialle.it.

Oltre al sito gratis per un anno, il servizio permette di avere gratuitamente formazione ed assistenza, di fruire gratuitamente di 100 euro di pubblicità via Google, ma anche di cinque spedizioni e di tre mesi di e-commerce. Insomma, è un servizio appositamente ideato per le aziende, anche quelle piccole gestite da titolari che magari hanno poca dimestichezza con Internet e con la creazione di siti.



CHE HOSTING SCEGLIERE

Se un progetto del genere può rappresentare in tutto e per tutto una manna per le imprese, che possono risparmiare sui costi visto che i servizi sono gratuiti, c’è anche da dire che le aziende operanti nel ramo della rivendita dei domini, nell’e-commerce e nella creazione di siti, rischiano di essere fortemente penalizzate.

GOOGLE LANCIA ADSENSE PER FLASH

E’ questa, non a caso, la posizione di Assoprovider, che ha segnalato all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato, l’Antitrust per intenderci, un progetto qual è quello de LaMiaImpresaOnLine.it che presenta a detta dell’Associazione dei caratteri di forte anticoncorrenzialità, e che rischia di essere devastante per il mercato. Secondo Assoprovider l’impatto è fortemente negativo per i registrar, per le web agencies, per gli Internet service provider e per i web designer che operano nel nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>