Community Days 2013 al via

di Filadelfo Scamporrino Commenta

A Peschiera Borromeo, in presenza di oltre cinquanta esperti, sono in programma una sessantina di sessioni di approfondimento.

Sono partiti oggi, mercoledì 27 febbraio del 2013, i Community Days presso l’Innovation Campus della Microsoft. A darne notizia è stata proprio la società di Redmond, ed in particolare la Microsoft Italia, nel sottolineare come nel nostro Paese l’edizione di quest’anno dei Community Days torni dopo il grande successo del 2012.

A Peschiera Borromeo, in presenza di oltre cinquanta esperti, i cosiddetti speaker, sono in programma una sessantina di sessioni di approfondimento in conferenza ed in presenza di oltre mille iscritti nell’ambito di quello che è per Windows e per il .Net Framework l’evento più importante per gli user group e le community a tema.



PIATTAFORME E-COMMERCE PIACCIONO ALLE PMI

L’evento dei Community Days, che dura due giorni a Peschiera Borromeo, è caratterizzato dalla partecipazione, in qualità di sponsor, oltre che della stessa Microsoft anche di Intel, iCubed, WPC, Nokia e Technical Conferences.

SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

C’è anche il sito Internet ufficiale, www.communitydays.it, da dove è possibile accedere sia alla lista degli iscritti, sia a quella degli speaker, ovverosia esperti di Windows e .Net Framework conosciuti e riconosciuti in tutto il mondo.

SCANSIONE ONLINE GRATUITA DEL PC

Organizzati attraverso le conferenze, i Community Days sono un evento chiave per chi è appassionato e chiaramente anche uno sviluppatore in ambiente Windows e .Net Framework. I primi Community Days risalgono al 2006 in base ad un’idea di UGIdotNET e di ASPItalia.com. I Community Days 2013 si possono seguire anche via Twitter e Facebook attraverso gli account e le pagine ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>