Come apprendere in Rete

di Filadelfo Scamporrino Commenta

La società di Redmond Microsoft, attraverso un progetto per le scuole denominato “Apprendere in Rete”, ha siglato uno specifico accordo con il MIUR, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Le nuove tecnologie possono contribuire al miglioramento della didattica, adottando nuove metodologie, e possono di conseguenza andare a migliorare l’apprendimento degli studenti. Consapevole di tutto ciò la società di Redmond Microsoft, attraverso un progetto per le scuole denominato “Apprendere in Rete“, ha siglato uno specifico accordo con il MIUR, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

A darne notizia nella giornata di ieri è stata proprio la Microsoft nel precisare come il portale associato al progetto, www.apprendereinrete.it, abbia già oltre 40 mila iscritti a fronte di 100 mila visitatori mensili che sviluppano una media di 400 mila pagine viste.



COME USANO INTERNET GLI ITALIANI

L’accordo Microsoft-Miur avrà una durata pari a 12 mesi e permetterà a studenti e docenti di poter condividere le idee, le esperienze ed i materiali presenti nella community del sito Internet sopra citato. Sul sito, infatti, gli insegnanti possono tra l’altro presentare quelle che sono le esperienze emerse dalle attività realizzate in classe.

CELLULARI E INTERNET PANE QUOTIDIANO DEI GIOVANI

Il docente iscritto al sito www.apprendereinrete.it possono mettere a punto lezioni didattiche online ed interattive potendo così puntare alle nuove tecnologie per migliorare l’apprendimento degli studenti. Contestualmente la Microsoft promuoverà, per i computer delle scuole primarie e secondarie, l’installazione di software gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>