Nuove unità SSD Intel per videogamer ed appassionati di PC

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Le nuove unità SSD sono le più veloci e le più resistenti attualmente presenti sul mercato, e sono in grado di offrire prestazioni molto elevate anche per gli ambienti di calcolo più intensivi.

Offrono prestazioni di livello superiore, in ambito aziendale per le piccole e medie imprese, ma anche per gi appassionati di videogame e di personal computer.

Trattasi delle nuove unità SSD SATA III a 6 gbps del colosso dei microprocessori Intel Corporation. Le nuove unità SSD sono le più veloci e le più resistenti attualmente presenti sul mercato, e sono in grado di offrire prestazioni molto elevate anche per gli ambienti di calcolo più intensivi.



INTEL CON MOTOROLA E LENOVO PER TECNOLOGIA SMARTPHONE

In accordo con un comunicato emesso lunedì scorso da Intel Corporation, le nuove unità SSD Intel 520 sono ideali per chi dalle applicazioni consumer necessita di velocità accelerate, di basse latenze e, nello stesso tempo, di un’elevata larghezza di banda e di un elevato throughput.

NUOVI PROCESSORI INTEL ATOM PER I NETBOOK

Le unità rappresentano quindi la soluzione perfetta per gli sviluppatori di software, ingegneri, contabili, professionisti che operano nella creazione di contenuti multimediali e, tra gli altri, anche di musicisti e di chi utilizza applicazioni impegnative che, altrimenti, generano tempi di attesa fastidiosi.

MERCATO HARDWARE E SOFTWARE ALLA RESA DEI CONTI

Rispetto alle unità HDD, ovverosia ai dischi fissi tradizionali, le nuove SSD client di Intel Corporation migliorano l’esperienza degli utenti che possono così lavorare agevolmente in condizioni di multitasking intensivo o magari nell’ambito delle attività di streaming via Internet e, in generale, in tutti quei processi che dal punto di vista dell’elaborazione risultano essere particolarmente impegnativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>