Nuovi quad-core Intel della terza generazione

di Lucia Guglielmi Commenta

Ancora una volta Intel ha rivoluzionato la tecnica di integrazione introducendo ai transistor la terza dimensione rispetto a quelli classici che sono planari bidimensionali.

Dei nuovi microprocessori, della terza generazione, in grado di offrire delle prestazioni video doppiamente superiori rispetto agli attuali standard di mercato. A lanciarli tanto per cambiare è stato il colosso americano dei semiconduttori Intel che, nello specifico, ha alzato il velo sui nuovi quad-core disponibili sia sui sistemi all-in-one, sia sui notebook e sui personal computer desktop di fascia alta.

In questo modo, con i nuovi quad-core a 22 nm di Intel, le prestazioni che l’elaboratore è in grado di offrire sono senza precedenti a partire dalla gestione dei contenuti multimediali in HD, e passando per la grafica 3D.



VELOCIZZARE AVVIO WINDOWS CON QUICK STARTUP

Questo significa che per i video e per i videogiochi le esperienze offerte dalle macchine con i quad-core a 22 nm di Intel sono entusiasmanti a fronte della futura espansione di mercato di questi chip ultraveloci anche per gli ultrabook. La tecnologia su cui si basano i nuovi quad-core a 22 nm di Intel è quella cosiddetta a transistor tri-gate 3D che, unitamente a dei miglioramenti di natura architetturale messi a punto dal colosso americano quotato a Wall Street, fanno dei nuovi processori un concentrato di potenza e di prestazioni.

NUOVI PROCESSORI INTEL ATOM PER I NETBOOK

Questo perché ancora una volta Intel ha rivoluzionato la tecnica di integrazione introducendo ai transistor la terza dimensione rispetto a quelli classici che sono planari bidimensionali. In questo modo aumentano per i transistor sia le prestazioni, sia l’efficienza energetica proprio per effetto di una maggiore densità per ogni millimetro quadrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>