Nuovo Cloud Lab a Basiglio

di Filadelfo Scamporrino Commenta

In questo modo attraverso il Cloud Lab le imprese italiane potranno toccare con mano quelli che sono i benefici del cloud in termini di competitività.

A Basiglio (Milano) è nato un importante laboratorio, il Cloud Lab frutto della collaborazione tra la CA Technologies, la Intel Corporation e la Fujitsu Technology. I tre colossi del settore tecnologico hanno in particolare unito forze e competenze per creare il laboratorio che, dedicato interamente al cloud ed alle relative tecnologie all’avanguardia, si trova presso la sede italiana della società CA Technologies.

In questo modo attraverso il Cloud Lab le imprese italiane potranno toccare con mano quelli che sono i benefici del cloud in termini di competitività. In particolare il Cloud Lab è stato realizzato per attrarre i service provider ed i clienti nell’utilizzo di soluzioni chiavi in mano.



NUOVI PROCESSORI INTEL ATOM PER I NETBOOK

Presso il laboratorio di Basiglio, in accordo con quanto precisato da Intel con un comunicato ufficiale, le applicazioni cloud computing per il business vengono abilitate grazie alla CA AppLogic di CA Technologies che, nel complesso, rappresenta il cuore del Cloud Lab italiano.

INTEL CON MOTOROLA E LENOVO PER TECNOLOGIA SMARTPHONE

In accordo con quanto dichiarato dal Regional Business Manager di Intel per l’Italia e per la Svizzera, Carmine Stragapede, al cloud computing oramai si riconosce un ruolo chiave in quello che è l’attuale cambiamento di paradigma nell’universo dell’Information Technology. E quindi con il Cloud Lab Intel mira a condividere tecnologie e competenze per il cloud al fine di accelerare il processo di transizione delle imprese che potranno trarre tutti i benefici in termini di maggiore produttività e di riduzione dei costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>