Sistemi di apprendimento e ragionamento automatico

di Lucia Guglielmi Commenta

L’Italia è un Paese all’avanguardia proprio nel campo della ricerca sulla linguistica computazionale.

Sulle tecnologie semantiche, e sulle relative applicazioni in ambito industriale, la ricerca e lo sviluppo del settore parla rigorosamente italiano. Questo dopo che il colosso americano IBM ha alzato il velo sull’apertura a Trento di un Centro di Studi Avanzati per il ragionamento automatico, per il linguaggio naturale e, in generale, per quella che è e sarà in futuro la rappresentazione della conoscenza.

L’obiettivo, in accordo con quanto riportato con un comunicato ufficiale proprio da IBM, è quello di dar vita, nell’ambito della linguistica computazionale, ad un centro internazionale in forza ad una partnership che nel trentino è stata rafforzata, e che vedrà scendere in campo il CNR, la Fondazione Bruno Kessler, Trento RISE e l’Università degli Studi di Trento.




CREARE SITO E-COMMERCE FAI DA TE

D’altronde sin dagli anni ’50 l’Italia è un Paese all’avanguardia proprio nel campo della ricerca sulla linguistica computazionale, e non a caso in passato proprio quello di Trento è stato l’unico Ateneo non americano che ha preso parte con IBM al perfezionamento degli algoritmi per il ragionamento automatico e per il linguaggio naturale.

SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

E così, in riva all’Adige, il nuovo Centro di Studi Avanzati annunciato da IBM sarà un punto di riferimento chiave nell’incubazione di progetti pilota messi a punto in ambito nazionale ed internazionale. A coordinare il nuovo Centro di Studi Avanzati sarà Guido Vetere di IBM a fronte di una stretta correlazione e cooperazione tra le istituzioni pubbliche e quelle private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>