Pirateria nel 2009

di Manuel Millocca Commenta

Ecco i dati della ricerca realizzata nel 2009 da IDC per BSA, in questi dati si nota che il livello della pirateria in Italia ..

pirati_p2p

Ecco i dati della ricerca realizzata nel 2009 da IDC per BSA, in questi dati si nota che il livello della pirateria in Italia è tornato ai livelli del 2007 un aumento di circa un punto percentuale rispetto il 2008,e in crescita come descritto nel dato mondiale.

Il dato riguarda i software illegali su computer aziendali e privati in 111 paesi paesi analizzati solo in 54 paesi la pirateria è diminuita mentre in 19 è aumentata in modo esponenziale, ma anche se 54 paesi hanno perso pirateria il tasso globale di essa è passata dal 41% al 44% di software illegale diffuso per un danno di 51 Miliardi di Dollari.



In Italia il tasso di pirateria è arrivato al 49% riportandosi a livelli del 2010, mentre come danni economici si avvicina ad un totale di 1.215 Milioni di Euro.

In Europa il dato è molto grave infatti in ordine crescente questi sono i paesi che piratano di più Grecia, Islanda e Italia, Cipro, Malta, Spagna, Francia e Portogallo, con un tasso superiore al 40%.

Mentre paesi come la Germania hanno tassi inferiori al 28%, l’IDC dichiara che un abbassamento del 10% di pirateria nel corso di 4 anni porterebbe un’aumento di posti di lavoro di 6.000 unità.

L’Italia si trova al nono posto come nel mondo come valore patrimoniale piratato, ma non è presente nella black list dei più alti rati di pirateria mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>