Dada chiude Splinder

di MarioPetillo Commenta

Dopo 10 anni di presenza sul web italiano, la piattaforma di blogging Splinder chiude definitivamente. La causa maggiore è dovuta all'avanzare imperioso di Wordpress e altre piattaforme internazionali.

È ufficiale: Dada ha comunicato la chiusura della piattaforma Splinder, nota fino ad oggi come una delle più importanti reti di blogging in Italia. A partire dal 31 gennaio 2012 non esisterà più nessun blog su Splinder e tutti verranno sostituiti: a tutti coloro i quali erano in possesso di una piattaforma sul server Dada verrà inviata un’email nella quale si spiega come recuperare il proprio blog ed effettuare un redirect sul nuovo indirizzo web. 10 anni, 450 mila blog, 745 milia utenti iscritti e oltre 10 milioni di utenti unici al mese, sono soltanto alcuni dei numeri che hanno reso forte in questi anni Splinder, un vero e proprio punto di raccolta per il web italiano. Insieme con la chiusura si ricorda anche la storia, spesso raccontata da Andrea Santagata, fondatori di Splinder e uno dei responsabili ora del gruppo Banzai Media.


Con Marco Palombi e Paolo Werbrouck, seguiti poi da Fabio Cabula, nacque l’idea di offrire agli italiani un modo semplice per gestire e creare il proprio blog, senza troppe difficoltà e si diede vita a Splinder. Ora però con l’avvento di WordPress, che guadagna anche con la vendita delle proprie risorse, e numerose altre realtà ben più spietate ed organizzate è diventato difficile sopportare il pesante gravare delle spese in confronto allo scarso rientro di ricavi pubblicitari. Per le piattaforme italiane è difficile competere con quelle internazionali, afferma sempre Santagata: i ricavi pubblicitari sono degli utenti, non di certo della piattaforma. Il mondo del blogging non è però in declino, bensì in riqualificazione e tutti dovranno adattarsi alla realtà dei social network e delle novità che stanno nascendo giorno dopo giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>