Google plus vieta i nickname

di Cristina Baruffi Commenta

Google Plus ha annunciato grandi novità, infatti nel corso di questa giornata il social network creato dal colosso di Mountain View ha fatto sapere che non verranno accettati nickname e generalità fittizie...

Google Plus ha annunciato grandi novità, infatti nel corso di questa giornata il social network creato dal colosso di Mountain View ha fatto sapere che non verranno accettati nickname e generalità fittizie.
La notizia non ci coglie del tutto impreparati, perché proprio qualche giorno fa il presidente esecutivo Eric Schmidt è intervenuto durante l’ Edinburgh International TV Festival per spiegare che Google Plus è una rete sociale concepita esclusivamente per persone reali, infatti la finalità primaria è proprio quella di fornire ai clienti servizi personalizzati.

Schmidt ha fatto sapere che ogni volta che verrà creato un nuovo profilo verranno verificate attentamente tutte le generalità per evitare la creazione di cyber e profili fasulli. Accedendo a Google Plus gli utenti saranno chiamati a inserire solo ed esclusivamente dati veritieri, perché Google vuole limitare al massimo la creazione di pseudomini per garantire un servizio di qualità agli utenti.

ARRIVA GOOGLE PLUS SEARCH

Per far si che anche i fruitori del social network siano a conoscenza di identità non verificate verrà aggiunta nella home di ogni profilo un’etichetta con scritto “verified-name”, che significa che quella persona è reale, mentre nel caso in cui non viene esibita l’etichetta Google manderà prima un messaggio di avvertimento al falso utente e poi disattiverà per sempre la sua pagina profilo.
Come potevamo immaginare questa scelta è stata già ampiamente criticata, infatti alcuni ritengono che questa limitazione sia stata fatta per tenere sotto controllo le preferenze degli internauti, che spesso creano pagine profilo dedicate ai personaggi pubblici…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>