La Divina Commedia diventa videogioco

di Alessandro Bombardieri Commenta

Dante dovrà riuscire a raggiungere la sua amata Beatrice e liberare la propria anima da Lucifero, mentre la voce narrante sarà quella di Virgilio.

dantes_inferno_01

La letteratura arriva sulle console di videogiochi, infatti nel 2010 vedremo uscire nei negozi un gioco che potrà essere al centro di molte attenzioni, il nome è emblematico: Dante’s Inferno, l’inferno di Dante. Alighieri ovviamente, il gioco è infatti basato sulla Divina Commedia dello scrittore italiano, e concentrato all’inferno appunto, dove per l’occasione EA (produttrice del gioco) trasforma Dante in un guerriero.

Dante dovrà riuscire a raggiungere la sua amata Beatrice e liberare la propria anima da Lucifero, mentre la voce narrante sarà quella di Virgilio. Il gioco sarà sicuramente sotto la critica di molti insegnanti, moralizzatori e quant’altro ma possiamo solo credere che raccontare la cultura attraverso i videogiochi abbia solamente aspetti positivi.

In USA sono stati condotti anche diversi studi a riguardo, e non a caso molti diplomati da scuole umanistiche trovano poi occupazione nelle case videoludiche, questo in America ovviamente.

Tornando al gioco, Dante lascia la sua immagine classica per presentarsi come un guerriero ricoperto di armature di ferro pronto a sfidare le più grandi creature dantesche infernali. Troveremo Caronte, mostri a tre teste, senza dimenticare che saranno presenti molte citazioni dalla Divina Commedia tra un capitolo e l’altro.

Nel trailer del videogioco rilasciato da EA possiamo ammirare la grandezza dell’inferno dantesco, che sarà raffigurato nelle sue più sottili sfaccettature, ed è bello notare come il video incominci proprio con i primi versi dell’opera dantesca.

Il gioco uscirà il 30 gennaio 2010 per PlayStation 3, Xbox 360 e ne sarà sviluppata anche una versione per PSP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>