Sistemi operativi più attaccati dagli hacker

di Lucia Guglielmi Commenta

Anche per i criminali informatici il tempo è denaro!

Gli hacker quando attaccano non puntano sulla vulnerabilità, ma sulla diffusione. Insomma, quando agiscono si può dire che sparano nel mucchio. Non a caso, secondo quanto dichiarato e messo in risalto dal Security Evangelist di G Data, Eddy Willems, gli hacker attaccano sistemi operativi come Android OS e Microsoft Windows non in base alla vulnerabilità, ma proprio in base alla loro diffusione.

Questo perché, in accordo con quanto riporta una nota emessa da Gdata.it, anche per i criminali informatici il tempo è denaro! Basti pensare che, stando agli ultimi dati aggiornati a cura di IDC, nel mondo ci sono 1,5 miliardi di utenti attivi che hanno un computer dotato di sistema operativo Windows; il che significa che con un attacco hanno maggior probabilità di contaminare gli elaboratori di quante più persone possibili.



COME CONOSCERE GLI ULTIMI VIRUS INTERNET IN CIRCOLAZIONE

Al riguardo Eddy Willems di G Data ha fatto presente come di norma l’attività dei criminali informatici sia basata sugli attacchi per il furto di identità da utilizzare poi per attività illecite; così come molto spesso gli hacker cercano di rubare i dati finanziari e quelli personali al fine poi di rivenderli.

SCANSIONE VIRUS GRATUITA

E se il sistema operativo dei Mac, unitamente a Linux, è meno soggetto ad attacchi, questo non è perché è meno vulnerabile, ma proprio perché c’è una più bassa diffusione. Stessa musica anche per il sistema operativo degli smartphone Android; in passato l’interesse degli hacker su Android era latente, ma poi dopo che sul mercato oltre la metà degli smartphone ad oggi è dotata del sistema operativo di Google, le cose sono cambiate e gli attacchi sono diventati più frequenti e diffusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>