Virus più pericolosi della storia

di Lucia Guglielmi Commenta

La storia dei virus più pericolosi spazia dal worm Morris, che nel 1988 infettò ben il 10% dei computer connessi ad Internet, a “Michelangelo” che, nel 1992, fu il primo virus a catalizzare l’attenzione dei media di tutto il mondo.

Da “Brain”, il primo virus per personal computer, datato 1986, al recentissimo “Flame“, programma nocivo molto sofisticato. Sono questi i punti di partenza e di arrivo di una speciale classifica stilata dal leader della sicurezza digitale Kaspersky Lab in concomitanza con il suo 15-esimo anniversario.

La storia dei virus più pericolosi spazia dal worm Morris, che nel 1988 infettò ben il 10% dei computer connessi ad Internet, a “Michelangelo” che, nel 1992, fu il primo virus a catalizzare l’attenzione dei media di tutto il mondo.



SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

Poi a seguire ci sono stati “Concept” nel 1995, che fu anche il primo macro virus, e poi “Melissa” che, nel 1999, aprì l’era degli attacchi attraverso la posta elettronica massiva.

COME PROTEGGERE UN CELLULARE ANDROID

Tra gli altri programmi nocivi degni di nota, in accordo con quanto messo in risalto da Kaspersky Lab con un comunicato ufficiale, ci sono Koobface, nel 2008, che fu il primo malware a colpire il noto social network Facebook. Ed ancora “Conficker”, causa di una delle più vaste infezioni su scala globale, per poi passare al trojan sms per Android “FakePlayer”, e “Stuxnet” col quale nel 2010 furono messi a punto attacchi mirati e su vasta scala ai sistemi SCADA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>