Battleloot Adventure miglior videogioco indipendente italiano

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Ne dà notizia la Microsoft nel sottolineare come, su Windows Azure, piattaforma di cloud computing, il videogioco sia stato sviluppato dalla Digital Tales.

windows-8-consumer-preview-56489

Nell’ambito della prima edizione del Premio Drago d’Oro, Battleloot Adventure si è aggiudicato il titolo di miglior videogioco indipendente italiano. Ne dà notizia la Microsoft nel sottolineare come, su Windows Azure, piattaforma di cloud computing, il videogioco sia stato sviluppato dalla Digital Tales. Il videogioco, in accordo con quanto messo in risalto dalla società di Redmond con un comunicato ufficiale, è stato sviluppato con una maggiore flessibilità e con un minor costo grazie proprio alla solidità offerta dalla piattaforma cloud Windows Azure di Microsoft.



VIDEOGIOCHI GRATIS SUI TELEFONINI SPOPOLANO

Entro la prossima estate anche sul sistema operativo Windows 8 e Windows Phone 8, inoltre, saranno disponibili i personaggi in stile cartoon ed i fondali disegnati a mano per il videogioco Battleloot Adventure che sono già disponibili per i sistemi operativi Android ed iOS.

NUOVI MALWARE PIU’ ATTIVI E PERICOLOSI

Dal punto di vista tecnico i dati del videogioco Battleloot Adventure risiedono su Windows Azure Storage con accesso via PHP con Shared Access Signatures in modo tale da proteggerli dagli hacker. In questo modo è tra l’altro più flessibile e sicura non solo la distribuzione del gioco, ma anche la sua gestione nei momenti di picco di utilizzo.

ATTACCHI MIRATI MALWARE PIU’ COMUNI

Non a caso il Direttore della Divisione Server & Cloud della Microsoft Italia, Luca Venturelli, ha sottolineato come l’esperienza di sviluppo della Digital Tales dimostri come Windows Azure sia in grado di rispondere a quelle che sono le esigenze di aziende operanti in qualsiasi settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>