Spostare icone iPhone con EasyIconEdit

di Alessandro Bombardieri Commenta

EasyIconEdit-iOS-Paste

Su iOS ci sono molte restrizioni anche dal punto di vista della grafica della Springboard, come per esempio il fatto che non possono esserci spazi vuoti tra le apps, ma la griglia deve essere completata partendo dall’angolo in alto a sinistra.


Grazie a tweak come EasyIconEdit, disponibile gratuitamente sul repo BigBoss di Cydia, è possibile modificare l’aspetto del proprio iPhone in maniera più semplice e veloce rispetto al metodo tradizionale. Questa app non propone nessun menu nelle opzioni così come nemmeno un’icona nella Springboard, ed è proprio per questo che è importante leggere prima come funziona questo strumento.

Per selezionare icone multiple bisogna entrare nella modalità jiggle tenendo premuta un’app qualsiasi. Quando le icone iniziano a “tremare”, bisogna selezionare quelle che si vogliono spostare, sotto alle quali comparirà un indicatore di colore verde, che fa sapere che l’icona è stata selezionata ed è pronta per essere spostata. EasyIconEdit permette di scegliere anche icone da diverse schermate, finchè rimane attiva la modalità jiggle.

RECUPERARE EMAIL CANCELLATE SU IPHONE

Purtroppo però EasyIconEdit non funziona per le cartelle, e nemmeno per le applicazioni presenti all’interno di esse. Cliccando su una cartella in modalità selezione, semplicemente non accade nulla. Tuttavia non si perdono le applicazioni selezionate fino a quel momento. Quando la selezione è terminata basta spostarsi sulla schermata di destinazione della SpringBoard, quindi EasyIconEdit sposterà tutte le icone su quella pagina, anche se le apps continueranno a muoversi e non saranno ordinate automaticamente. Per aggiungerle alla pagina bisogna “tapparle” una alla volta, così che vadano a posizionarsi nel primo slot disponibile. Per terminare il procedimento basta premere il pulsante Home.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>