Attivare barring SMS e bloccare servizi a sovrapprezzo

di Alessandro Bombardieri Commenta

sms-text-messaging

I servizi a sovrapprezzo, conosciuti anche come “SMS Premium” o “SMS/MMS a pagamento in decade 4x” (43, 44, 46, 47, 48 e 49) possono essere fonte di molti problemi, dal momento che online si leggono spesso discussioni a tal proposito, con relativi euro spariti dal credito.


Ogni operatore telefonico ha accordi con provider esterni, che offrono questi servizi extra, che possono prelevare dal conto dell’ignaro utente fino a 5 euro/SMS, anche per 2-3 volte alla settimana. Sarebbe sufficiente inviare al mittente di questi SMS un messaggio con la scritta ‘STOP‘ per bloccare il servizio, ma non sempre questo funziona e comunque non protegge da futuri casi simili.

A parte i classici consigli (non cliccare sui banner pubblicitari sospetti, non rispondere agli SMS sospetti) è bene sapere che è possibile disattivare questi servizi completamente, con ogni operatore. Per farlo bisogna attivare quello che viene chiamato barring SMS, oppure ‘Blocco dei servizi a sovrapprezzo‘.

Qui sotto vediamo come fare per richiedere il barring degli SMS per i diversi operatori telefonici:
TIM – chiamare il 119 e chiedere all’operatore di mettere il proprio numero nella “Black List”.
Vodafone: chiamare il 190 e chiedere all’operatore il “Barring Sms”.
Wind: chiamare il 155 e richiedere il “Blocco dei servizi a sovrapprezzo”, che può essere totale cioè voce + sms (899, 166 + sms in decade 4x), oppure parziale (solo sms in decade 4x). La disattivazione può avvenire anche tramite internet, anche se l’opzione sembra essere irraggiungibile dall’Area Clienti.
Tre: chiamare il 133 e chiedere di attivare il “Barring sms”.
Postemobile: compilare il modulo che si trova sul sito ed inviarlo via FAX o posta cartacea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>