Come proteggersi da link ed allegati sospetti

di Lucia Guglielmi Commenta

A fronte della diffusione nell’utilizzo dei social network oltre la metà degli internauti non sembra essere per nulla disposta ad affidare a terzi quelli che sono i propri dati personali, ed in particolare quelli più importanti.

Nonostante l’ascesa dei dispositivi mobili, per sei utenti su dieci è il computer il mezzo più comune per accedere ai social network. A farlo presente nei giorni scorsi è stato il leader della sicurezza Kaspersky nel sottolineare di conseguenza la necessità di installare sul PC un software efficace ed efficiente che permetta di proteggersi dai link nocivi e dagli allegati sospetti veicolati attraverso la posta elettronica.

D’altronde a fronte della diffusione nell’utilizzo dei social network oltre la metà degli internauti non sembra essere per nulla disposta ad affidare a terzi quelli che sono i propri dati personali, ed in particolare quelli più importanti.



SISTEMI OPERATIVI PIU’ ATTACCATI DAGLI HACKER

Questo perché c’è un’ampia presa di coscienza su quelli che possono essere i pericoli in Rete a partire proprio dai social network dove non mancano gli “assalti” da parte di persone sconosciute che chiedono l’amicizia e/o che inviano link quantomeno sospetti. Questi link spesso sono innocui, in quanto rimandano magari a informazioni commerciali, ma altrettanto spesso nascondono insidie ed in particolare del malware che, senza adeguati software di protezione, rischia poi di infettare il proprio computer.

COME PROTEGGERE UN CELLULARE ANDROID

Di conseguenza non stupisce il fatto che sui social network oltre la metà degli internauti, stando a quanto riportato da Kaspersky Lab con un comunicato, non inserisce nelle proprie pagine social l’indirizzo di casa ed altri dati personali importanti come il proprio numero di telefono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>