Microsoft Click To Run

di Alessandro Bombardieri Commenta

Questo nuovo sistema utilizza le tecnologie di streaming e di virtualizzazione di Microsoft...

excel-backstage

Microsoft sta lavorando molto per lanciare nel migliore dei modi il nuovo sistema operativo Windows Seven (arriverà ad ottobre) ma punta tanto anche sul nuovo Office 2010. Proprio in questa ottica sta testando un nuovo sistema di distribuzione del software, che per ora prende il nome di Click To Run.

Questo nuovo canale di download e di vendita potrebbe già essere utilizzato a partire dal rilascio della nuova suite Office, e c’è già chi ipotizza anche la possibilità di comprare i programmi individualmente.

Ad ora sono iscritte al servizio di beta testing poche persone che stanno iniziando a provare il funzionamento di questa tecnologia, possono infatti scaricare programmi come Word, Excel, Powerpoint, Outlook e OneNote delle edizioni di Office 2010 destinate agli studenti e dalla Home and Business.

Questo nuovo sistema utilizza le tecnologie di streaming e di virtualizzazione di Microsoft per fornire all’utente finale una velocità di download maggiore.

screenshot-of-microsoft-office-14

La BigM definisce Click To Run un nuovo meccanismo sviluppato per distribuire applicazioni client attraverso la rete e sarà sfruttato anche per divulgare le versioni trial dei vari programmi della casa di Redmond. Come già anticipato il progetto prevede la possibilità per l’utente di scaricare la versione trial di un determinato programma e se ne è soddisfatto potrà comprarla direttamente usando Click To Run.

Per l’utente dovrebbe essere poi molto semplice usufruire di questo programma, sarà installata nella barra start di Windows una voce Virtualized Application Manager che ci permetterà di controllare tutti i nostri download/acquisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>