Come proteggersi dal malware Flame

di Filadelfo Scamporrino Commenta

I G Data SecurityLabs hanno analizzato attentamente “Flame”, noto come malware per lo spionaggio industriale, ed hanno rivelato quelle che sono le classiche azioni che è in grado di compiere.

“Flame” è un malware complesso, sicuramente pericoloso ed innovativo, ma in definitiva non è poi così sofisticato in quanto utilizza tecniche già adottate da altri programmi maligni. A farlo presente attraverso il proprio sito Internet è stata la G Data nel sottolineare come con i propri prodotti gli utenti siano al sicuro anche rispetto al malware Flame.

Nel dettaglio, riporta il sito Gdata.it, i G Data SecurityLabs hanno analizzato attentamente “Flame”, noto come malware per lo spionaggio industriale, ed hanno rivelato quelle che sono le classiche azioni che è in grado di compiere.



COME PROTEGGERE COMPUTER E FILE

Innanzitutto c’è da dire che “Flame”, in quanto malware, è in tutto e per tutto un parassita informatico che va ad insinuarsi all’interno dei certificati di Windows. Dopodiché, sfruttando dei meccanismi noti e comunque raffinati, riesce anche a diffondersi in Rete.

ANTIVIRUS NORTON 2012

“Flame” una volta insinuatosi acquisisce dati che arrivano ai criminali informatici e che spaziano dai dettagli sulla macchina infetta agli screenshot del desktop, e passando per l’accesso al disco fisso con conseguente accesso a tutti i dati. E’ bene quindi proteggere sempre ogni dispositivo mobile o computer fisso con prodotti per la sicurezza efficienti, adeguati e di società attendibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>