Gestire account zittiti su Twitter

di Alessandro Bombardieri Commenta

twitter-bird-muzzled

Forse non tutti sanno che su Twitter è possibile zittire gli utenti: la funzione Zittisci consente di zittire i Tweet di un utente dalla cronologia. Se zittisci un utente su Twitter, non potrai più visualizzare i suoi contenuti e non potrai più ricevere sue notifiche SMS o push.

– Gli utenti zittiti possono seguirti e interagire con i tuoi contenuti.
– Puoi seguire un utente zittito. Se zittisci un utente, potrai continuare a seguirlo.
– Le @risposte e le @menzioni degli utenti zittiti che segui saranno ancora visibili nella scheda Notifiche.
– Gli utenti zittiti che segui possono ancora inviarti un messaggio diretto.
– Quando togli la voce a un utente, i relativi Tweet precedenti saranno ancora visibili; saranno nascosti solo i Tweet successivi all’attivazione della funzione.

Per zittire un utente bisogna cliccare sull’icona dell’ingranaggio nel profilo, quindi selezionare l’opzione ‘Togli voce a @nomeutente‘. Ora è stata aggiunta la pagina di gestione degli account zittiti, accessibile entrando nelle impostazioni di Twitter, nella sezione ‘Account a cui hai tolto la voce‘.

VERIFICA IN DUE PASSAGGI DI TWITTER

Vicino ad ogni account zittito è presente l’icona per ridare la voce a quell’account, l’icona per visualizzare altre opzioni legate a quell’account, così come il pulsante Segui per seguire quell’account.

Diverso è invece il bloccare un utente, infatti gli utenti bloccati non possono:
– aggiungere il tuo account Twitter alle proprie liste;
– far apparire @risposte o menzioni nella tua scheda Menzioni (anche se questi Tweet potrebbero comunque apparire nella ricerca);
– seguirti;
– vedere la tua immagine del profilo nella propria pagina o nella propria cronologia;
– taggarti in una foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>